14 Luglio 2020

EnoNautilus Blog

Storie ed immagini dagli inventori di EnoNautilus

Nasce i-Spoon, il software per garantire un ritorno sicuro al ristorante

Tempo di lettura: 4 min

Menu e carta dei vini ai tempi del distanziamento sociale anti Coronavirus: niente più cartaceo in ristoranti e bar, niente mani che passano liste ai clienti per procedere all’ordinazione. La soluzione software i-Spoon (i-spoon.com) renderà tutto possibile con lo smartphone in modo rapido, sicuro, ecologico, con tanto di lista allergeni per ciascun piatto e la possibilità per l’esercente di accedere a un’area amministrativa sotto password per aggiornare con semplicità la propria proposta, anche giorno per giorno, immaginando che all’inizio si farà poco magazzino per vedere come evolverà il post lockdown.

La soluzione informatica, che trae il nome dall’iconico cucchiaio da cucina del cuoco, è stata messa a punto dalla società multinazionale americana Vanilla Innovations, Inc. con una sede italiana a Bergamo, leader nella digitalizzazione e già creatrice del primo ecosistema strutturato dedicato all’enoturismo, EnoNautilus. Il giovane manager Fabio Sarti, 28 anni, fondatore e CEO della società, laureatosi all’Università degli Studi di Bergamo, una delle città che ha pagato il prezzo più alto per il virus, annuncia così la novità: «Il nostro team di sviluppo si è messo in gioco per tendere la mano in questo momento difficile all’intero canale Horeca italiano ed internazionale.

Fabio Sarti, CEO

I titolari di bar e ristoranti avranno un aiuto nella ripartenza, per mettere a proprio agio i clienti che godranno di un’assoluta sicurezza, che impiegheranno meno per scegliere cosa ordinare e che potranno consultare una carta dei vini con tutte le informazioni su etichetta, caratteristiche ed origine di ciascuna referenza».

Un software pratico che invoglierà a tornare alla vita sociale rispettando distanziamento e norme igieniche ma anche un’operazione sociale: «Io, il project manager Augusto Faglia e il nostro direttore marketing, Emanuele Bottiroli, abbiamo deciso di mettere gratuitamente a disposizione questa soluzione a vantaggio dei professionisti del comparto d’Italia e resto del mondo, che sono stati posti tutti quanti in sofferenza dagli effetti della pandemia Covid-19. La nostra scelta – conclude Sarti – dipende dal fatto che crediamo che vino, sapori, ristorazione e accoglienza diano identità, profilo e valore a ciascuna comunità locale. Veder ripartire questi settori cardine è una priorità per tutti». Per il cliente sarà facile come scaricare un’APP gratuita per sistemi iOS e Android sul proprio telefono, per il ristoratore sarà un vantaggio in termini di tempo, di monitoraggio, scalabilità e aggiornabilità dell’offerta. Si sono già candidati per testare l’applicazione multilingua ristoratori e titolari di wine bar di tutta Italia insieme a colleghi, selezionati, negli Stati Uniti d’America.

La soluzione software i-Spoon ha un sito Internet dedicato per approfondirne la conoscenza: i-spoon.com .