Notizie

Nasce il Movimento Turismo dell’Olio

Tempo di lettura: 1 min

La valorizzazione dell’olio extravergine di qualità, degli oliveti, dei frantoi e dei territori più vocati passa adesso dal Movimento del Turismo dell’Olio. La nuova rete di produttori associati per promuovere l’oleoturismo è stata fondata ieri: la firma presso la Sala Caduti di Nassirya del Senato, a Roma. Le Regioni che hanno firmato l’atto di nascita sono cinque: Puglia, Lombardia, Abruzzo, Umbria e Calabria, a cui si aggiungerà la Toscana.  

Alla guida del Movimento Turismo dell’Olio, nato sull’esempio del movimento «fratello» del vino, c’è Donato Taurino, titolare insieme alla sorella dell’azienda agricola Taurino, nel leccese. Direttrice dell’ente, nonché anima del progetto, è Vittoria Cisonno, ex numero uno del Movimento Turismo del Vino di Puglia. 

Tra gli obiettivi dell’associazione c’è la formazione di guide specializzate che accompagnino gli appassionati alla scoperta e alla degustazione dell’olio. Attenzione all’accoglienza e alla ricettività: la direttrice Cisonno parla di «valorizzazione della filiera corta». Tra gli argomenti più cari c’è il tema green, attraverso la promozione delle pratiche ecologiche alla base della produzione di qualità. L’ente ha già espresso di voler creare forti sinergie con il Movimento Turismo del Vino. L’obiettivo è di fare rete tra produttori, istituzioni, ristoratori ma anche tra due prodotti, vino e olio, già interconnessi tra loro. 

LEAVE A RESPONSE

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *